Benvenuto nel Sito dell`Associazione Culturale  Messaggero Sardo

HomeStoria e CulturaIn LimbaPoesie in SardoSu mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – MARTU 2022

Poesie in Sardo

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – MARTU 2022

  La poesia cagliaritana in limba

 La poesia cagliaritana recente e contemporanea è autentica e vivace testimonianza dell'identità cittadina. Dei poeti in limba nella variante campidanese e specificatamente cagliaritana, dunque cultori della “cagliaritanità” più profonda, erano già comparse schede biografiche e composizioni in questa rubrica online; l'interesse era stato rivolto ad autori di prestigio e fama come Aquilino Cannas (abrile 2017), Teresa Mundula Crespellani (cabidanni 2018) e al mitico sindaco Ottone Bacaredda (santandria 2020). Ora, attingendo alla preziosa pubblicazione antologica “Cagliari e i suoi poeti in lingua sarda” di Matteo Porru, si propongono altri interessanti autori e il meglio della caratterizzante poesia castedhaia.

 

Ignazio Cogotti (1868 – 1946) villacidrese ma cagliaritano per formazione e cultura, impiega il castedhaiu per celebrare la Città e creare, con rara abilità, dei quadri unici di “figure e figuri”; dell'autore di adozione si propongono i testi “Po is festas de Sant'Efis” e “Is piccioccus de crobi”.

Il magistrato Gaetano Canelles (1876 – 1942) , appartenente ad una delle più antiche famiglie nobiliari isolane, consegna ai versi una grande poesia cagliaritana, ricca di autentica espressività e di criticità verso chi da esterno alla realtà cittadina tenta “la scalata sociale”. Significativo il componimento Su majolu, conosciuto e stimato come una delle massime espressioni della sua poetica.

Luigino Cocco era nato a Cagliari nel 1910 nello storico e popolare quartiere di Sant'Avendrace. Dalla sua strategica postazione di giornalaio, in Piazza Martiri d'Italia, ha potuto cogliere e osservare nella quotidianità il mondo autentico dei caratteristici “personaggi” cagliaritani che gravitavano nella sua edicola; con puntuale “humor e sottile malignità” li descrisse poeticamente. Della poesia “popolare” del Cocco si interessarono anche i noti critici Antonio Romagnino e Francesco Alziator che ne sottolinearono, tra l'altro, il senso documentale e di testimonianza su una Città in grande trasformazione di identità e valori; il mutare della sua Cagliari, conosciuta e amata profondamente, era colto e vissuto dal poeta con un malinconico velo di tristezza. Si segnala alla lettura la poesia Biancu e nieddu, che nell'attualità sociale è da considerare non politicamente corretta, in quanto ironizza sui matrimoni misti e sul comportamento imprevedibile delle donne.

Altro autore che si è caratterizzato come castedhaiu, pur essendo di origine familiare ghlilarzese e nato a Buggerru nel 1925, è stato Mario Licheri; vi ha attinto limba e identità per esserci vissuto fin da bambino. Attento cultore e conoscitore del linguaggio cagliaritano è custode, come il poeta Aquilino Cannas, di un ricco vocabolario di grande dignità letteraria. Valorizzatore della tradizione e specialità sarde, era stato lavorativamente un alto funzionario regionale, maturò anche una poetica di impegno civile e sociale. Conseguì importanti riconoscimenti letterari e collaborò al quotidiano L'Unione Sarda e alla rivista S'Ischiglia come attivo e sensibile redattore. Di Licheri segnaliamo alla lettura il componimento Buggerru.

Franca Ferraris Cornaglia (1926 -2013), autrice di grande pregio in castedhaiu, sapeva cogliere e interpretare Cagliari in tutte le sfumature e contorni, con una predilezione ed attenzione ai gesti semplici della quotidianità. I suoi versi sono raccolti in due libri: “Su passarissu” e “Buttinus e babbuccias”. E appunto “su passarissu”, è quel corridoio esistenziale e “passaggio obbligato da percorrere continuamente” nella vita di ogni uomo; dunque, poetessa di umanità, intelligenza e di profonda filosofia. Alla lettura si propongono due composizioni “sensoriali”: Is fragus e Su caffè.

Luciana Muscas Aresu (1929), poetessa pluripremiata nei principali concorsi letterari sardi, caratterizza i suoi componimenti con la giocosità e simpatico impiego di ironia e satira. Canta Cagliari e la Sardegna con profondo amore e interesse nel valorizzare natura e tradizioni. Diverse e pregevoli sue poesie figurano pubblicate in riviste e raccolte antologiche. Della Muscas Aresu segnaliamo il “realistico” quadro poetico Sa bixina.

Per il poeta-letterato e sindaco Paolo de Magistris, come per Ottone Bacaredda, dedicheremo una scheda successiva con nota biografica e componimenti in limba.

 

 

 

Po is festas de Sant'Efis

Teneru, aculta: su chi nau deu

est chi in Casteddu c'est dinai meda;

e a su famini, balla, no ci creu,

chi seus totus arroba de galera.

 

Ita ti parit! Custu festivali,

custas culsas e fogus de altifiziu

hant a costai dinai, foras mali,

e, si cras si chesciaus, ddu feus po viziu!

 

Ma una cosa ti nau: mancai sita bellu

Sant'Efis cun su zugu pren''e oru,

cun is mustazzus fattus a pinzellu,

 

coment''e Peldu, m'hap'a isbagliai,

ma ti ddu naru, fradi de su coru,

coment''e Peldu, no vi arribat mai!

 

 

Is piccioccus de crobi

Sunt in quattru o cincu, tot'impari

assoziaus po fai 'na picchettada:

unu hiat a boliri andai a s'or''e mari,

s'ateru hiat a boliri fai sa zippulada;

 

ma in mentris chi staint cumbinendi,

eccu unu bellu pratt''e culingionis,

beni indorau de bagna e fumiendi,

chi ponit fini a tot'is chistionis!

 

Is piccioccus ddu 'ingiriant, e dognunu

preparat tres arrialis po pagai:

poi si sezzint e pappant in comunu.

 

Ma unu, mischinu, hat perdiu sa bursitta

e, tristu chi no podit picchettai,

castiat su prattu e lingit sa furchitta.

 

 

Su majolu

Sa liaga prus manna de Casteddu,

po chini no ddu scit, est su majolu

chi de bidda ndi benit, solu solu,

po fai fortuna, ancora piccioccheddu!

 

Bogau su callu e postu su cappeddu,

istudiendi a modu 'e bestiolu,

in sa vida, sez'ateru consolu,

de mixinas o leis pigat s'aneddu!

 

Sa ischina pinnichendi innoi o innia,

lompit a zitttadi o prus a susu:

totu in Casteddu podit capitai!

 

Poniddi guantus, gruxis, oreria!

Faiddu deputau, mancari de prus;

ma de majolu no ndi bessit mai!

 

 

Biancu e nieddu

'Ta bellixeddus! Si ddus hiast bistus

tot”e is duus figuraus in su giornali...

Deu no isciu ita ci agatint de mali

in custus bellus matrimonius mistus.

 

'Ta bella, sa contessina Giovanna!

A velu, totu beni cuncordada,

in s'altari maggiori ingenugada...

No pariat nemmancu a brenti manna!

 

E issu? Bellu piccioccu, coru miu!

E chini no si dd'hiat essiri sposau?

Sempri in celu siat, aiaia hiat nau:

Pezza niedda fait brodu saboriu!

 

Bona fortuna a Giovanna, a Germanu

e a totus cuddas maccas po is nieddus,

chi in contu de si cenai a malloreddus,

biadas issas, cenant perdingianu!!!

 

 

Buggerru

Ita no fiast

in cussa dì de Argiolas!

Sterriu po longu

de su monti a su mari.

Ita no fiant cantus

is zerrius tabarchinus

attuendu a coffas

sa calamina arriccada?

E barzolus pariant

is barcas ladas,

movendu,

cun s'und”e su mari.

Bentu mineri,

primu sulidu miu,

poita mi zerrias

finzas in custu ierru?

Hap'a torrai!

Hap'a torrai una dì

cun is ogus serraus.

Serrau che tui,

Buggerru,

ca tui puru

ses mortu.

Aundi

sonus de piccus?

Aundi su tremi tremi

de griglia 'e laveria?

Aundi

trumbas de avvisu

de minas?

Aundi

lantias mineras

infruxendusì in fileras,

arzia e cala

bessi e intra,

de sa bucca niedda

de su monti?

Aundi?

Aundi dd'heis postu?

In cali baulu

de zinnibiri

heis interrau

su coru de Buggerru.

 

 

Is fragus

Deu no ddu sciu comenti,

ma immoi chi seu imbeccendi,

m'intendu in sa memoria

is fragus torrendi.

Nascendi in sa Marina,

hapu 'mparau duus fragus:

su fragu de su mari,

su fragh”e su mercau.

Passillendi in via Roma

intendemu unu fragu,

su propriu fragu de candu

castiamu, de curridoriu,

su mari miu stimau

in portu aposentau.

Andendi a su mercau

po fai una cummissioni,

fintzas po dogna pei

depemu fai attenzioni:

pisci, pezza, arrizzonis,

cabonis acculiaus, totu su logu bruttu

fragosu e striddicau.

Su gosu de sa spesa a mei est ammancau.

E castiatì, in beccesa,

si 'ollu essiri cuntenta,

no andu a fai sa spesa,

ma obergiu in sa memoria

scéti una scatuledda:

ndi fazzu bolai su fragu de su mari

e mi pongu a cantai.

 

 

Su caffè

Su fragu 'e su caffè

a primu mangianu

si fuit de sa coxina a prepotenzia,

prenit is aposentus de sa domu,

ndi bogat s'attufidu 'e su sonnu.

Nisciunu podit sciri coment'est;

ma su fragu prus bellu, in dogna domu,

est, a mangianu, su fragu 'e su caffè.

 

 

Sa bixina

Est tant'annus morendi sa bixina.

A dda 'ntendiri est totu 'nu dolori.

Portat sa facci color” e varecchina,

ma refudat mexinas e dottori.

 

Frequenti dda sollicitat sa sorri

speddiosa de ddi allebiai is penas.

Issa respundit: “Seu accant' 'e morriri”,

propriu cun d'unu fil' 'e boxi appenas.

 

E si dismaiat...e, accirdinada

arruit appizz''e lettu, mancu malis!

Inguni firm'aturat e prostrada,

puru torrend'in sei po via de is salis.

 

Ma si sa sorri insistit po is curas,

si scutulat e totu 'n d'un'est sana:

a funzionai ddi torrant is giunturas

e ddi sparessit dogna mala gana.

 

E trepitat... e prangit e fait giuras

chi, si ancora ddi donant occasioni,

hat andai, po finir'is amarguras,

a si ndi sderroccai de su Bastioni.

 

Nos de bixinau depeus suffriri

de dì a notti custa tribulia:

po cantu ancora, dd'heus a depiri sciri

moribunda, ma prus che ma bia?

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella pagina di policy e privacy.

Chiudendo questo banner , scorrendo questa pagina,cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all`uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Pubblicità big

Archivio

In questa sezione potrai trovare tutti i numeri del "Messaggero Sardo" dal 1969 al 2010

Archivio Nuovo Messaggero Gds Online...

Circoli

Elenco completo di tutti  i circoli sardi in Italia e nel Mondo, le Federazioni e le Associazioni di tutela.

Sport

Le principali notizie di tutti gli sport.

In Limba

Le lezioni in limba, il vocabolario e le poesie in limba.

doğal cilt bakımı doğal cilt bakımı botanik orjinal zayıflama ürünleri doğal eczane avon