Benvenuto nel Sito dell`Associazione Culturale  Messaggero Sardo

Poesie in Sardo

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – SANTUAINI 2021

 Salvatore Corveddu “Grollle”: cantore d'amore con un senso di malinconica solitudine e grandi rimpianti

Salvatore Corveddu “Grolle” (Nughedu S. Nicolò 1897 – 1986) è stato uno dei grandi aedi che, interpretando e vestendo la sua stessa esistenza con il ricamo dei versi, ha contribuito a rendere il Novecento sardo un secolo d'oro luminoso per la poesia e per la limba. Verso questo compaesano poeta, così è stato anche per Cicito Masala, Forico Sechi, Nigola Pala e tanti altri, il centro del Monteacuto ha avuto e dimostrato un particolare affetto, coltivandone spirito culturale e memoria poetica. Dalla lettura dei suoi profondi versi emerge il legame e senso d'amore genuino all'universo paese e tutti i sogni e desideri di uomo e poeta mai realizzati. E proprio nella presentazione della sua pubblicazione “A s'alza e fala” del 1981, definisce chiaramente il suo vivere e concetto esistenziale e di umanità: “unu passadu intrizzidu de illusiones e subratottu de delusiones; e puru has'a cumprender chi non senza motivu hapo piantu sas memorias mias pius caras e chi non so istadu nemmancu indifferente 'e sas isventuras e tribulias anzenas”.

Cultore e appassionato lettore, tra i preferiti Monti, Foscolo e classici, sarà soprattutto l'ammirazione per i poeti sardi estemporanei a stimolare la sua anima di acuta sensibilità e far maturare la vena lirica in limba. I versi di “Grolle” sono canti contadini, d'amore e di grandi rimpianti; poeta di limpida vena creativa e di puro lirismo nel cantare, con capacità e stile, gli eterni sentimenti dell'uomo con un senso di malinconica solitudine.

Il poeta di Nughedu fu attivo collaboratore de “S'Ischiglia”, la rivista fondata dal bonorvese Anzelu Dettori, e una presenza di qualità nelle prime annate del premio “Ozieri”. Nel 1960 risultò secondo classificato, alle spalle di Pietro Mura che si aggiudicò quella edizione con “Sos chimbe orfaneddos”, presentando il componimento “Su semenadore”; dal Verbale della Giuria, rileviamo che “la poesia presenta il seminatore mentre compie nel suo lavoro un rito sacro. Il suo atteggiamento è religioso: di chi ama la terra e il suo Creatore, con tutta la passione del suo essere, sino a farne ragione di vita o di morte. La terra è la madre generosa che non tradisce; il suo odore caldo, tra le brume del mattino, riempie il cuore di speranza, e sembra odore di pane nuovo che consoli. E il contadino, sacerdote di una fede eterna, sogna, nel compiere il suo rito, messi dorate, e pace con la sua sposa e i suoi figlioli”.

 

 

SU SEMENADORE

Sende pro dare cun suore nou

sementa noa a sa terra, ch'haiat

già preparada: “Santa s'ora siat!”

narat, cun s'oju in alvu, in sinu sou.

 

Intrat a giungher, si sinnat intantu,

sa manu dritta alzendesi a su chizu,

In nomen de su Babbu e de su Fizu,

de s'Ispiridu Santu!...”

 

Tulat e torra si sinnat, a rughe,

isparghet sa sementa a manu larga

rosariende: in aria su ranu,

billat che giaos de oro a sa lughe.

 

A sa 'oghe su giù partit serenu,

in tira e drittu, paret battijadu,

s'arvada affundat, imberghet; s'aradu

andat e torrat a sulcu pienu.

 

Suerat su mischinu postu in pija,

premen sos boes incarchende tuju

in sa terra afferrada: a un'ancuju

si faghen sa carena in sa cadrija.

 

Fumat sa terra no ancora fritta

in s'umidu manzanu; est su selenu

pesadu e post'in fua. In su pienu

ispuntat sa pianta beneitta.

 

L'ammirat su massaju, e in coro sou

la beneighet; li paret s'umore

chi sa terra tramandat in amore

lu consolet, profumu 'e pane nou.

 

E isse intantu sonniat s'arzola,

a notte che a die in contivizos;

sos boes, su laorzu, e sisposa e fizos,

regoglidos in d'un'ispera sola.

 

 

S'ORIGINE DE NUGHEDU

B'haiat in s'antigu un'alvuredu

de nughes bejas e ispianadu

da-e sas raighinas, b'han fundadu

cun s'andare 'e su tempus a Nughedu.

 

S'isterret subra de un'adde manna,

tra rabidas costeras: tres baddijos

la sulcan e dividin a ispijos

de montes coronada hat ogni gianna.

 

Intr' 'e sos montes chi li dan affogu,

un'orizonte liberu no hada:

paret un' 'ama de 'erveghes furada

e posta chi non s' 'idat da-e logu.

 

Fit prima d'esser bidda, de crabarzos

furriadorzos: umiles cuiles

a linna e frasca; che-i sos crabiles,

postos a faccia a sole e in roccarzos.

 

Pustis a trumas bi sun recuidos,

che lupos a sa tana da' ogn'ala,

zente rebelle e de idea mala:

cunfinados, ladrones e bandidos.

 

Tale fit tando, como est differente:

s'unda 'e su tempus muda hat cancelladu,

de s'antigu ogni istiga e cambiadu

ogni fisionomia, indule e zente.

 

In d'una notte niedda che mura

e tempestosa, in tantu attrighentu,

in cussu logu naschida hapo tentu

e ue ispero de haer sepultura.

 

AVE, MARIA!

In morte 'e Pedru Casu

Ave Maria, de grazia infinita

piena, su Signore est'in Te ebbia,

Femina subr'a tottu beneitta,

beneittu su fruttu ch'has in sinu:

Signore nostru, Fizu Tou divinu;

Santa Maria mama 'e Deu;

pro nois pecadores preg'arreu,

como, in s'ora 'e s'agonia e poi:

sempre siat de goi.

 

 

DIES ILLA

Cando 'enit sa die

chi custos ojos s'han a istudare

in s'ora subr'a mie hat a bettare

sa Morte, s'umbra sua e-i su nie.

Tando ritenzo chi siat finida

ogni pena patida,

umpare cun s'istraju 'e s'agonia.

A manu a manu s'hat a cancellare

tottu su ch'hat iscrittu

su Fadu malaittu

in sa carena mia;

ne che atteras bias

in sas mortas pupias

de sole ne de luna

non penetrat pius lughe peruna.

E a su corpus meu, in tottu surdu,

de cantu 'enner li podet addossu,

non nde l'importat chi rosighet s'ossu

su sorde ingurdu.

E tue, foressida,

a sa mortale tua presonia,

a inue has andare anima mia,

istinchidda 'e sa vida?

 

 

 

S'ULTIMU DISIZU

Cando in custas pupias

hat a falare s'umbra

de cudda notte chi non finit mai,

inimiga de sa vida e de sa lughe,

in s'ora chi sa rughe

'enit a mi leare in domo mia,

eo non cherzo piantu

e ne onores:

pro chie morit tott'est nudda, tantu!

Eo disizo ebbia

unu biccule 'e terra, unu cuzolu,

pro su reposu meu meu in campusantu.

Ma no cherzo chi sia

iseredadu e solu.

Sepultura mi dade

in su matessi puntu

ue reposat su corpus consuntu

de' cuddos chi fin babbu e mamma mia;

forsis m'isettan che cando fin bios.

E lassade, lassade!,

chi si miscen appare ossos e ossos

sos issoro cun sos mios,

sa carre pudrefatta,

sa chijina.

Mi cunzedat sa sorte

de poder unire

comente in vida fimis a sa morte!

Est giustu chi su fruttu

de sa pianta isfatta,

giompidu o in fiore appena ruttu,

pudrighet in sa propria cortina.

 

 

 

 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – CABIDANNI 2021

 Melchiorre Murenu, l'Omero sardo che segnò la storia poetica sarda dell'Ottocento

 

L'originale for

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – CABIDANNI 2021
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – LAMPADAS 2021

 Paolo Pulina,  una sfida in versi tra eventi personali e collettivi

Paolo Pulina, conosciuta figura

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – LAMPADAS 2021
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – AUSTU 2021

 Barore Sassu, geniale aedo creativo dal verso ironico e caustico

Le feste patronali sarde sono semp

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – AUSTU 2021
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – MAJU 2021

 Barore Tucconi di Buddusò, cantadore di inconfondibile stile e cultura, nella collana “A Lughe

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – MAJU 2021
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – TRIULAS 2021

 Giuseppe Calvia “Lachesinu”, eclettico intellettuale e poeta

Giuseppe Calvia è nato il 31 luglio

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – TRIULAS 2021
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – ABRILE 2021

 Sebastiano Moretti Cadoni, noto Pitanu, geniale e versatile poeta del Novecento

Sebastiano Moretti C

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – ABRILE 2021
 

Pagina 1 di 21

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella pagina di policy e privacy.

Chiudendo questo banner , scorrendo questa pagina,cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all`uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Pubblicità big

Archivio

In questa sezione potrai trovare tutti i numeri del "Messaggero Sardo" dal 1969 al 2010

Archivio Nuovo Messaggero Gds Online...

Circoli

Elenco completo di tutti  i circoli sardi in Italia e nel Mondo, le Federazioni e le Associazioni di tutela.

Sport

Le principali notizie di tutti gli sport.

In Limba

Le lezioni in limba, il vocabolario e le poesie in limba.

doğal cilt bakımı doğal cilt bakımı botanik orjinal zayıflama ürünleri doğal eczane avon