Benvenuto nel Sito dell`Associazione Culturale  Messaggero Sardo

Poesie in Sardo

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Triulas 2018

 Tonino Mario (Antoninu) Rubattu

Per il poeta Tonino Mario (Antoninu) Rubattu, nato a Lindos nell'isola di Rodi nel 1938, la limba attinta in tenera età dai genitori di Sennori – ricca di segni ideali, identitari e di appartenenza – ha rappresentato da sempre i valori inestirpabili del suo essere e vivere. Valori e limbazu sardu hanno governato i nodi esistenziali di un letterato che ha compiuto un abile percorso lirico tra poesia dal tratto tradizionale e quella moderna ed innovativa.

Affermato come traduttore in sardo dei poemi omerici e di diverse opere di autori spagnoli, aveva prima esordito come poeta in italiano; le composizioni pluripremiate nei concorsi nazionali ed internazionali sono raccolte nel volume Primi voli, dell'editore romano Gabrieli. Una vasta selezione delle opere in limba figurano nelle raccolte Lagrimas e isperas (Cagliari, 3T, 1982) e Ruju lidone (Sassari, EDES, 2005). Ma considerare Tonino Mario Rubattu solo un poeta è semplicemente limitativo. La sua biografia è significativamente ricca di importanti e molteplici attività: sindaco di Sennori per nove anni, fondatore del premio “Romangia”, direttore della rivista “S'Ischiglia” per ben un decennio e la pubblicazione di un impegnativo Dizionario (Sassari, EDES, 2001-2004, 6 volumi), in cui figurano tutte le varianti della lingua sarda. Recentemente ha completato e pubbicato uno specifico dizionario sulla parlata di Sennori. Laureato in Lettere, attivo componente di prestigiose giurie poetiche, membro onorario di Accademie e Associazioni Culturali ha fatto parte della prima Commissione di esperti, nominati dalla Regione Autonoma della Sardegna, per studiare l'Unificazione Ortografica e Linguistica della Lingua Sarda.

 

Tando

(A Mario Delitala, pro sa tela
"Casa rossa di Orani").
 
…tando bi fit sa Luna
in su monte ‘e Gonare,
sa Luna tunda e manna ‘e s'allegria,
sa Luna ‘e sa fortuna
e deo carignare,
m'ammento, donzi notte la cheria.
 
Puddedru chena ‘iua
cun alas de cristallu,
su lomper fintz'a chelu fit s'appentu
d'una festosa fua,
su gosu d'unu ballu
gioghende a manu tenta cun su ‘entu.
 
Fidele turturella
issa m'isettaiat
padrona de sa notte e de su mundu
e prus lùghida e bella
appenas chi m''idiat
faghiat sa campagna tott'in tundu.
 
Pintore beneittu
funtana de dultzura
ténneru incantu ‘e nottes de consolu!
Tando…cun un'ojittu
bettadu a furadura
ch''essia fattu sou in oriolu!
 
Orani, sutta meu,
fit una coa ‘e prata
unu chelu ‘e ranzolu accisadore
e deo, arreu-arreu,
che catteddutzu in tratta
giogao a l'iscobiare su lugore.
 
Si fit notte istellada
a boltas resessia
finas a sebestare una domitta
ruja-melagranada…
fogu de poesia
de una babbajola carifritta!
 
Tando… bi fit sa Luna
in su monte ‘e Gonare
e unu craboleddu ojos de chelu!
Oe…bi nd'at sempr'una
tunda e manna che pare,
ma in ojos faladu m'est su gelu!

Birimbò

Chentu caddos giua a bentu
chentu buttones de rosa
in sos pilos chentu olias
chentu e chentu e chentu 'olos
 
birimbò...si semus solos!
 
Chentu rios aundados
chentu soles tott'alluttos
de accisu chentu ojadas
chentu e chentu e chentu cantos
 
birimbò...oh, it'incantos!
 
Chentu toccos de campana
chentu prellas de lentore
frinas chentu d'ajubore
chentu e chentu e chentu velas
 
birimbò...ah, cussas melas!
 
Chentu risos de lidone
chentu rujos pappailes
lunas chentu in cada rattu
chentu e chentu e chentu 'inos
 
birimbò...ojos divinos!
 
Chentu janas brinca-brinca
chentu antigas anninnias
d'abes chentu mele 'e oro
chentu e chentu e chentu 'enas
 
birimbò...dulches cadenas!
 
Birimbò...a chentu 'oghes
birimbò...a chentu chiterras
birimbò...a chentu istellas
birimbò...a Demì mia
sa prus bella de sas bellas!

Lagrimas e isperas

Sas frinas de su sero
trazant
bolos d'alipeddes
e puru… in altu
pendet una Luna manna
ch'imbozat a sonniare!
Làgrimas e isperas
in custa Terra antiga
s'intritzant dae sempre
in un'andare arcanu.
Ùngias addolimadas
frazas
bórtulant dae sempre
pedras e roccarzos
e corvos e benturzos
disignant de continu
sémidas de morte.
Làgrimas e isperas
in sas pinnettas fumosas,
in ojos a barveghes
labadas de fogu,
famidas dae mill'annos.
Isperas a beranu,
isperas a mizas!
Bértulas bóidas
e làgrimas alluttas
a s'incunza,
in s'atunzu,
cun su ‘entu ‘e Susu
ch'ammuntonat fozas siccas
solamente!
Làgrimas e isperas
in s'adiu de s'emigrante,
in s'ùrulu de s'isposa
imbattiada dae su frade!
Làgrimas e isperas
dae s'avréschida a s'occasu
in tottue
in custa Terra antiga.
Làgrimas e isperas
dae sempre…
pro sempre.

Narami pastore

Nàrami, pastore,
it'est chi t'incadenat
a custos montes brujados,
ue roccas e bentu
leant su respiru,
ue cumpanzu e isposa t'est
sa solitùdine antiga?
Che Luna pellegrina
andas notte e die
e che issa ses riccu
de piùere e misèria.
Bélidant sas ‘arveghes isfianchidas,
ti mirant cun ojos de piantu
bramende
erva ‘irde e rios limpios.
Lamentos e feridas t'istringhes
in coro e sònnias…
sònnias tue puru pasturas saboridas
cantilenas d'abba cristallina
e tittas pienas.
Nàrami, pastore,
ite lis contas a sas istellas
in sas nottes friscas de ‘eranu,
solitàriu,
in custos montes riccos solu
de làgrimas e sàmbene?
E in sas nottes frittas e iscurosas
ite cunfidas
a su ‘entu, padronu soberanu
de custas alturas chena risu?
Forsi los miras solu
e non faeddas
e che sempre, a sa sola,
in segretu piantu ti consumas.

 

 

Puddedros m'intendo reberdes

(A Pedru Mura)
 
Cale sorte...cale!
 
Muen sos bentos pitzinnos
nottesta
a s'alzada ‘e sa Luna
e in coro
puddedros m'intendo reberdes
su pannu currinde ‘e s'amore.
 
Sa notte s'est fatta lugura.
S'atunzu s'est fattu majia.
 
Ohi dìccia, sa mia!
 
Neulaghes de fogu
sos ojos m'alluman tudados,
trainos d'umore
sas venas frittidas m'aundan
in t''ider, donosa, torrende
cun risu infustu ‘e lentore
a ue as connottu s'amore.
 
E deo pius non creia
ch''Eranu potterat brotare!
 
S'est canu su tzuffu
e grae su passu
b'at galu in s'atunzu ‘e sa vida
fiores de mele auppados
e abes cun alas d'accisu
che tue amorosas...divinas.
 
T'accùrtzia...m'astringhe...
Oh fortuna!
Nottesta prus manna est sa Luna.

L'ant mortu a mesudie

L'ant mortu a mesudie
cun una rosa ‘e sole.
In pettus l'est restadu
unu suspiru ‘e prumu.
In ojos duas tittas
prus manna de sa Luna.
...
In sa pèlcia ‘e s'amore
chirchende fit dellìriu.
...
L'ant mortu a mesudie
cun una rosa ‘e sole.
Rosàrios de sonazos
in s'umbraghe ‘e sos chercos.
Urtinzos in sos littos
d'istrias e matzones.
Sas dentes a sos canes
nde ruent a s'appeddu.
...
L'ant mortu a mesudie
cun una rosa ‘e sole.
Ahi rosa, ite coraddu.
Ahi pettus, ite rosa.
Ahi pèlcia chen'amore.

Sos ojos tuos

Oh, sos ojos tuos,
sos ojos tuos de chelu!
Ammentos d'isperas
de ‘isos innotzentes
de s'andada pitzinnia.
Bolant lezeras sas rùndines
cuntentas sas mariposas
in custu ‘Eranu ch'avanzat.
S'istajone est bella
e imbozat a sonniare!
In tottue càntigos,
fiores, colores!
Ma cust'ànima,
custu coro
prite non sònniant prusu?
Sulcu profundu,
tuvuccu pius de sa Morte
b'at iscavadu
sa tàrula ‘e su tempus.
Boladas,
boladas attesu
sunt sas rùndinas mias
ne chi torrent tenzo ispera!
E puru….. sos ojos tuos,
pitzinna,
sos ojos tuos de chelu
mi nàrana ancora:
-Ama!

 

Ilìade – S'invocascione

1

Musa de Logudoro, Lughe ‘ia,

su fiancu susténimi benigna

e si ti paret cust'impresa digna

d'Ilione ammùstrami sa via,

pro ch'intendat d'Omero sa Sardigna

s'épica immortale Poesia.

Aggiùami ti prego, o Dea santa,

s'istòria a la contare tottacanta. (…)

 

Odissea – S'invocascione

1

Musa, chi de poetas tenes cura,

a mie puru l'ammustra su sinu,

pro chi d'Ulisse su tristu destinu

nerza a sa Sardigna, e-i sa pura

dulche ‘oghe de Omero divinu

Campidanu l'intendat e Gallura.

Longa est s'istrada e aggiudu imploro

pro t'onorare, Musa ‘e Logudoro. (…)

 

Truddò

(Ragazzo Sardo)

Io conosco il bimbo più strano del mondo.

È Truddò.

La notte è l'ultimo a salutare le stelle,

la mattina è lì, sulla soglia di tufo,

a rubare l'alba alle rondini…

Abbraccia sempre un pane scavato

con dentro le ricchezze del povero.

Tutti i bimbi hanno gli occhi di cielo,

Truddò ha gli occhi neri.

I suoi piedi, schiacciati dai ciottoli,

conoscono già le amare stagioni.

Tutti i bimbi sognano delizie,

Truddò sogna pane, pane soltanto.

Io non l'ho mai visto piangere,

io non l'ho mai visto ridere.

Ogni giorno lo saluto,

gli accarezzo i capelli,

lo guardo negli occhi

e attendo il sorriso.

Truddò non ride,

mi fissa gelido

e vince il mio sguardo.

 

Pastore sardo

Catene di sassi 

ti legano

alla solitudine

di sempre.

Avverti l'antico dolore

e al vento,

padrone dei monti,

ne affidi lo sfogo.

Il lentischio

ricopre il tuo cuore.

Dai fianchi scarniti

stilla

avaro

il pane bianco dei figli.

Non fendere

l'aria con spari.

È l'armonica il tuo fucile.

 

 

 

 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Lampadas 2018

 Franceschino Satta: autentico poeta nuorese

Franceschino Satta (conosciuto popolarmente come tiu Fr

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Lampadas 2018
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – MARTU 2018

 Le Cantones di Bore Poddighe

 

Bore Poddighe (Sassari, 6 gennaio 1871 – Iglesias, 14 novembre 19

 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Maiu 2018

 La poesia del poeta-contadino Antonio Palitta di Pattada

La poesia riposa dentro l’uomo ed è “

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Maiu 2018
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Frearzu 2018

 Francesco Masala: la voce dei vinti

 

Il poeta, scrittore e saggista Francesco Masala, nacque a Nug

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Frearzu 2018
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Abrile 2018

 I versi dell’innovatore Giovanni Camboni

Giovanni Camboni, nato a Pattada nel 1917, è ricordato co

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Abrile 2018
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Zennarzu 2018

 La rappresentanza ventennale dei poeti emigrati al premio “Seunis-Tiesi

 

Nell’ormai lontano 197

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Zennarzu 2018
 

Pagina 5 di 20

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella pagina di policy e privacy.

Chiudendo questo banner , scorrendo questa pagina,cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all`uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Pubblicità big

Archivio

In questa sezione potrai trovare tutti i numeri del "Messaggero Sardo" dal 1969 al 2010

Archivio Nuovo Messaggero Gds Online...

Circoli

Elenco completo di tutti  i circoli sardi in Italia e nel Mondo, le Federazioni e le Associazioni di tutela.

Sport

Le principali notizie di tutti gli sport.

In Limba

Le lezioni in limba, il vocabolario e le poesie in limba.

doğal cilt bakımı doğal cilt bakımı botanik orjinal zayıflama ürünleri doğal eczane avon