Benvenuto nel Sito dell`Associazione Culturale  Messaggero Sardo

Poesie in Sardo

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – MARTU 2018

 Le Cantones di Bore Poddighe

 

Bore Poddighe (Sassari, 6 gennaio 1871 – Iglesias, 14 novembre 1938) è stato consegnato alla memoria popolare, e collocato tra i grandi poeti sardi, per la nota opera “Sa Mundana Cummedia”. Lo scritto poetico, di vigorosa denuncia sociale e di acceso anticlericalismo, era stato pubblicato tra gli anni 1917 e 1922. Successivamente il questore di Cagliari – siamo nell’anno 1935 e dunque in pieno regime fascista – censura e vieta la diffusione del poemetto perché “… in dialetto sardo ed incitante all’odio di classe e al vilipendio della religione e dei suoi ministri”, dando inoltre “disposizione al commissario di Iglesias perché sequestrasse tutte le copie ancora in vendita e trasmettesse in visione tutti gli altri opuscoli di produzione di Poddighe”.

Ma tante altre composizioni, oltre Sa Cummedia, meritano di essere apprezzate e divulgate perché permettono di conoscere più profondamente un discusso autore e il suo mondo di idealità e sentimenti, esaltandone l’innato valore poetico. Paolo Pillonca, che anni fa curò il volume Cantones per la Collana Sa Musa edito da Domus de Janas, scrive di tiu Bore come di un poeta e “òmine chi cheriat dare imparos virtudosos a sa zente sarda”; frutto certamente di una forte esperienza maturata sul campo del lavoro e per la sensibilità verso una politica sociale di giustizia.

Bore, figlio dei dualchesi Filomena Piras e Bachisio Poddighe, nacque casualmente a Sassari e tornò nel piccolo centro del Màrghine pochi giorni dopo, vivendovi fino ai 18 anni. Alla ricerca di un lavoro stabile si trasferisce ad Iglesias e trova lavoro come minatore nei pozzi di Monteponi e San Giovanni. Nell’Iglesiente vivono e lavorano anche i poeti Sebastiano Moretti di Tresnuraghes, Pietro Caria di Macomer, Antonio Bachisio Denti di Ottana, a cui lo lega la comune passione e una profonda amicizia. Nel 1900 si unisce in matrimonio con Maria Zuddas di Sardara, che tra il 1901 e il 1917 gli diede sei figli (Virgilio, Erminia, Laura, Giuditta, Rinaldo e Bachisio). Nel 1910 emigra a Torino, ma il soggiorno piemontese è breve; problemi di salute della moglie, che mal sopporta il clima della città, lo fanno ristabilire definitivamente ad Iglesias. A seguito della scomparsa degli amici poeti (Moretti nel 1932 e Caria nel 1934) e per le sofferenze e noie relative al sequestro dell’opera Sa Mundana Cummedia, il poeta di Dualchi cede ad una forte e grave depressione che nel novembre 1938 lo porterà al suicidio.

 

SA VERIDADE

Una campura de bellas ispigas,

totu ingranidas in colore ‘e oro,

sun pro s’umanidade unu tesoro

chi cumpensat suores e fadigas.

 

Gasi iscrittos in pàginas e rigas

sos bellos versos de su Logudoro,

in èpocas modernas e antigas

sunu tesoros ch’allegran su coro.

 

Ma sunu pestes chi su coro umanu

attristan tantu e ponen in dolore

sas ispigas siccadas senza ranu.

 

Su matessi in disgustu e malumore

ponet su coro unu cantu mezzanu

in versos senza metru, né valore.

 

DIVISIONE DE SARDIGNA

Giudicadu de Karalis

1

Istòricos, antigos documentos

leggende de Corona e de Siotto

in giudicados o dipartimentos

chi fit divisa sa Sardigna noto,

degh’annos prima de su settighentos

a milli e battoschentos settantotto:

Karalis fin sos nùmenes insoro,

Arborea, Gallura e Logudoro.

2

Si naraian a puntu giudicados

ca de unu zuighe fini rettos.

Sos pòpulos comente sos soldados

a su cumandu insoro fin suggettos.

Benian in su tronu collocados

custos, a prepotenzia o elettos.

E in tale sistema guvernada

otto séculos s’ìsula est istada. (…)

 

Giudicdu de Arborea

1

Hapende già de su Cagliaritanu

giudicadu descrittu ogni contea,

in rima sarda montagna e pianu

passo como a cantare d’Arborea.

A Tharros fit su zùighe sovranu

chi guvernat sa zona tota intrea

ma cando istesit Tharros distruida

fit pro sede Oristanis costruida.

2

Austis si narat sa montuosa

contrada, cun Austis, Teti e Tìana

inue fit sa zittade famosa

chi a nùmene Albina giamàiana:

de buscos e de feras populosa

chi sos contes a cazza b’andaìana

in su tempus antigu, e oe in die

robba ‘e cazza no mancat da inie. (…)

 

Giudicadu de Logudoro

1

Hapende già cantadu ogni Regione

 da s’Arborea passo a Logudoro,

a descrier s’istoria in cantone

de sas contradas e biddas insoro.

A Turres sede e dominazione

tenian sos zuighes cun decoro.

Innanti e cando distrutta est istada

Àrdara, fit sa sede cambiada.

2

Algheresa, giamada s’Alighera,

fit cun Puttufigari in cumpagnia

zittadella de mare in riviera

ricca d’ortaglia, de prama e d’olia.

In su sinu sou hat un’argentiera,

fortezza, portu ‘e mare e pischeria:

fértiles terras de agricoltura

òttimos binos cun aria pura. (…)

 

Giudicadu de Gallura

1

De Logudoro, pro me terra cara,

hapende già finidu, cun premura

a passos longos m’avvio in Limbara,

pro chi descria giòmpidu a s’altura

dogni bidda o zittade a vista giara

appartenente a sa forte Gallura

pro las dare a su pùbblicu presente

sa ch’est distrutta e sa ch’est esistente.

2

A cantu narat s’istòricu amigu

Bitti fi tue distrutta est istada

Dure da tempus remotu e antigu

e istesit de nou edificada:

Bitti, chi pro Sardigna est un’isprigu,

Onanì, Gorofai registrada

s’agatat puru in sa matessi zona

cun-d-una miniera ricca e bona. (…)

 

SA CREAZIONE DE SA TERRA E DE S’ÒMINE

1

Naran chi Deus cun manu potente

fatt’hat su chelu e sa terra esistìbile,

ma chi l’hat fatta dae su niente

dae certos unos no est ammittìbile.

Lu narat sa sienzia veramente:

da nudda a fagher cosa est impossìbile.

Chie su bonu sensu lu condurret

narat: pro fagher cosa, cosa occurret.

2

Cherinde fraigare unu palazzu,

senza nudda non faghet sa faina:

bi cheret abba, rena cun carchina,

pedra, mattone e opera de brazzu.

Dae su nudda mancu su sedazzu

non faghet pro colare sa farina:

materiale occurret meda o pagu

mancari siat pro fàghere un’agu. (…)

 

SA BEZZESA DE TIU NANNA

1

Partidu so, in chirca ‘e sa ‘ezzesa,

dae pizzinnu minore in sa titta,

semper andende in contìnua gitta

passad’hapo sa mia giovinesa.

Poi ‘e sessant’annos in s’impresa,

incontro sa ‘ezzesa malaitta:

tota ispurpada, pàllida e tremante

cun sa cara a sa morte simizante.

2

Logrados de s’incontru sos disizos,

abbrazzada mi l’hapo a bonu coro.

L’ammiro tantu, vénero e onoro,

sibbene iss’hapat de morte assimizos.

Est vera fonte de bonos cunsizos

che ‘alen veramente a pesu d’oro

e sos faeddos suos sun sentenzias. (…)

 

SU BENE OPERARE

1

D’esser giustu su votu lu mantenzo

cant’hat a biver sa persone mia

e chi s’alenu in su pumone tenzo

si poto passo in sa ‘eretta via.

A cuddos chi no l’ischin los prevenzo

chi finas ch’hapo lughe in sa pupia

e chi non variat su sentidu meu

penso de dare cunfortu e recreu.

2

Si de gosi est su meu naturale

est ca gosi m’hat fattu sa natura.

Su bene ammiro e odio su male

so dispostu ‘e su bene a tenner cura:

cun su coro benignu e liberale

l’educo s’ignorante criatura

e fina a cando connoscher lu dene

hap’ammustrare sa via ‘e su bene. (…)

 

 

 

 

 

 

 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Frearzu 2018

 Francesco Masala: la voce dei vinti

 

Il poeta, scrittore e saggista Francesco Masala, nacque a Nug

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Frearzu 2018
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu - SANTANDRIA 2017

 Sulla linea effimera dell’universo femminile

 “Sulla linea effimera”, plaquette lirica dal tit

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu - SANTANDRIA 2017
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Zennarzu 2018

 La rappresentanza ventennale dei poeti emigrati al premio “Seunis-Tiesi

 

Nell’ormai lontano 197

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Zennarzu 2018
 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu - SANTUAINI

 Testi poetici in limba sarda ispirati a Maria di Nazaret

L’umile e semplice Maria di Nazaret, inn

Leggi tutto: Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu - SANTUAINI
 

SONETTO FIORIDU

No m’est passiu mancu abberu

De ti torrare a biere ocannu puru,

m’auguro comente a prima de seguru

sempere de ti biere costante messaggeru.

 

Si chi su tempus est meda severu

C’hana suspendiu cuddu trigu maduru,

e d’essemigrante no hana tentu cunsideru

sos ispreccones furant a s’iscuru.

 

Chimbant’chimb’annos emigrau in continente

D’essere Sardu seo orgolliosu e fieru,

ma sos politicos s’amentana solu po su votu.

 

Tirandeche sos diritos,cun donnia presente

Noso produemus,è poite custu modu severu?

Nos suni abandonande de sos diritos  tottu.

 

Sempere de su messaggerusardu lettore

Bonu 2018,e torret donnia diritu cun onore.

 

Gratzie po m’haere mandau su messaggeru de nobu

E bos invio unu cordiale e rispetosu saludu a tottus.

Onorato Casula

Genova 27 de Nadale 2017

 

 

 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Cabidanni 2017

 POETAS DE NORAGUGUME

Costantino Fois aveva esordito da autore nel 2008 con Làudes et Gosos del ma

 

Pagina 7 di 21

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella pagina di policy e privacy.

Chiudendo questo banner , scorrendo questa pagina,cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all`uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Pubblicità big

Archivio

In questa sezione potrai trovare tutti i numeri del "Messaggero Sardo" dal 1969 al 2010

Archivio Nuovo Messaggero Gds Online...

Circoli

Elenco completo di tutti  i circoli sardi in Italia e nel Mondo, le Federazioni e le Associazioni di tutela.

Sport

Le principali notizie di tutti gli sport.

In Limba

Le lezioni in limba, il vocabolario e le poesie in limba.

doğal cilt bakımı doğal cilt bakımı botanik orjinal zayıflama ürünleri doğal eczane avon