Benvenuto nel Sito dell`Associazione Culturale  Messaggero Sardo

Poesie in Sardo

Pasca de Nadale

 PASCA DE NADALE

 

Aici si tzerrianta

sa Festa de su Deus,

est nasciu pitzinneddu

propriu cumenti seus.

 

Cumenti est nasciu, poi,

in prena pobertadi,

paridi propriu innoi,

su tempu d’oi: terribili!

 

Sa zenti d’ogna logu,

no propriu po scialai,

est benia in umiltade,

po Re pipiu adorai.

 

Po lughere sa vida,

po nosus aggiudai,

est’ora tui t’ischida,

se fatzu Re incravai.

 

Dae custu linnu iscannu

anc’oi su Re ci castia:

talastima, taddannu

éssiri patimentu!

 

De totta sa furiesa

ca faghe s’amarguras

debimus affranchiri

su mundu po creaturas.

 

Narami tui, chi bai

in su logu a pregai:

po nudda o po accattai

sa fortza de sa Paxi?

 

No faghe sos miraculos

sa cresia, sa meschita

e sinagoga puru,

o templu calincunu.

Scetti unu coru apertu

e diaderus sintzeru.

 

Frades et Sorres, in su mundu seus,

s’Umanidade fitz’e nostru Deus.

Casinunca, cumenti nemus seus.

(Casinunca, narami tui chi seus).

 

Riccardo Giuseppe Mereu

Pavia – Cagliari, dicembre 2015

 Traduzione in italiano

NATALE

 

Così è chiamata

la Festa del Signore;

è nato bambino

proprio come noi.

 

Com’è nato, poi,

in povertà assoluta,

sembra quasi qua,

al tempo d’oggi: terribile!

 

La gente da ogni dove,

non certo per divertirsi,

venne in umiltà

per adorare il Re bambino.

 

Per illuminare la vita,

per aiutarci, è tempo

che tu lo capisca,

si è fatto crocifiggere Re.

 

Da quel trono di legno,

ancora oggi, il Re ci guarda:

che dispiacere, che rovina

essere il suo tormento!

 

Dobbiamo liberare,

da tutta la violenza

che fa la sofferenza,

per i bambini il mondo.

 

Tu, che vai a pregare,

dimmi: lo fai per nulla

o così cerchi

la forza della Pace?

 

Chiesa, moschea e sinagoga,

o quale tempio che sia,

non fanno i miracoli, da soli;

soltanto un cuore aperto

e veramente sincero.

 

Tutti Fratelli e Sorelle, nel mondo;

siamo l’Umanità figlia di nostro Signore.

Altrimenti, siamo nessuno.

(Altrimenti, dimmi tu chi siamo).

 

 

RICCARDO GIUSEPPE MEREU

 

Nato a Carbonia nel 1971, e finiti  gli studi universitari a Cagliari, dove mi sono laureato in Giurisprudenza, sono venuto a stare a Pavia per seguire un Master Universitario in editoria presso il Collegio Santa Caterina da Siena.

Lo scorso 14 dicembre, all’interno di una lettura di poesie sul Natale e sulla pace che ha coinvolto gli ospiti della Residenza Universitaria Biomedica, dove al momento risiedo, ho letto una mia poesia dal titolo Pasca de Nadale. L’ho scritta in limba, utilizzando vocaboli delle principali varianti, e l’ho tradotta in inglese e in italiano.

 

 

Su 13 de Sant’Andria 2015

 Sa die treighi de Sant’Andria,

Che bestias feroces ant colpidu

 Sa zente ‘ona chi fit in alligria!

 

Sa note niedda de Parigi

 Siat chie si siat su Deus onnipotente
Creadore de su chelu e terra
Si in su mundu b'at postu tanta

 

Su mundhu de sa poesia de Cristoforo Puddu – Dicembre 2015

 Salvatore Lay Deidda, sacerdote e autore del grande poema epico sulla figura di Amsicora

E’ frequ

 

“Barolias in tempus de olia”

-Cantu ses bella, amada mia, cantu ses bella-

iscrittu puru d'ada Dante

In sos canticos de sos cantos;

s'ispiritu soave,

anima sospirosa,

reina de eleganza

 

Cantu ses bella...

Innoghe du fazzo presente,

intonada ti da cantas:

ispiraziones de un'istante,

in momentos de allerghia,

sas dentes tuos biancas,

sos ojos isplendentes .

 

Ca D'ada iscrittu Dante,

e non fuit delirante, nende,

Sese opera de Deus,

de sanos sentimentos

bellasa ninfa laudada

in tuttus sos momentos,

 

iscultura modellada ...

de sa natura su rittratu

 de sa manu divina,

de s'omine su costatzu,

sa segunda de unu fiancu;

sa frisca rosa intumida ...

 

Custu este su cantu de sos cantos,

rosa chena ispinas,

lagrimas amorosas,

non si siccan mai sas fotzas,

Rosa chi cheret boddida

de lughe radiosa colorida

 

Candu osservo su passu

fiore chi faghes fruttu,

rosa frisca in birde pitzinnia,

tue sirena mi hasa attratu

cun sa tua tzenia

 

Cantu ses bella amada mia ...

chi connosches su caminu,

armoniosa bellesa

 disegnu divinu,

puru unu iscrittu d'amentada

in su testamentu antigu.

tue chi isches puite ses naschida,

creatura disegnada

chi rinnovasa sa vida;

 sa matta proibida

de su dimoniu tentada...

tentazione maledida

 

Deus t'ha perdonada,

e non ti nega sa grazia,

divina innamorada,

matrona de justitzia

in donzi contrada.

Sa mela malaita.

 

Sa prova chi separada

su bene cun su male,

chi ada rendiu mortale

totta s'umanidade;

de su serpenta amaliada;

luna de su sole illuminada.

 

Istupenda torrada s'aurora,

ei sa die cun su tempus si che colada;

su relotzu contende sa oras,

sentidu chi ti apassionada

amore chi si rinnovada ancora,

dontzia peccau perdonada..

Cantu ses bella amada mia,

 cantu ses bella;

 

Barolus Viginti (Bonarcantu)

 

 

“Sardigna Amada“

Antiga terra inghiriada dae su mare;

accaretzada de su fluttu de sas undas.. 

sa forza de sos bentos ti consumada...

 ...frastagliada e ricama  sas costeras,

formas ti dada, e su tempus ti modellada,

 istella de su mare sempre bella.

 S'Istoria  millenaria in sa rena intúzzasa

 e in sas perdas abbojas su faeddu;

túrras antigas de Sardigna meraviglia,

de sos nuraghes sa  zenia istimas.

Medas misteros in memoria incunzas;

deo bardiare ti devo cun rispettu.

Paassadu b'á nemigos de d'onzia trettu,

versadu arritzolos de d'onzia sambene;

Brutales violenzias ti ana infertu,

assortios male chena semenes

Soberana terra inie t'an difesu,

mai su sardu a su tirannu si este arresu.

Su carattere e sos monte chi asa,

Pianuras, badhese e planartzas;

Deus t'ada crefidu de goi pintare,

sa forma de s'omine  s'arrasta;

comente perda in su riu po saddiare,

 riferimentu in su mediterraneu mare.

Terra in su mundu fentomada,

arrichida, conquistada e maltrattada

 campagnas e  montagnas cun sos suos colores.

Omines in paghe e conquistadores,

arrizzidos cun s'istessu pregiu:

dulche terra, fertile e ospitale.

Donzi perda inie pode faeddare:

chi serret cuiles o innalzada Nuraghes;

in domos antigas, pilastros e de granitu colúnnas

tragáda de rios o postas a cuntza;

 chingh'inghiriat sos saltos, tancasa o tumbas,

chi sian quadradas mannas o tundasa..

(medas 'istoria de racontare.)

bardiana de arcanos universales

 ses tue Sardigna terra de amare.

 

Barolus Viginti (Bonarcantu)

 

 

Ironia e buon senso nella poesia di Antoni Cubeddu

 Molteplici sono i motivi per cui Ozieri può ben essere considerata la ‘capitale’ della poesia

Leggi tutto: Ironia e buon senso nella poesia di Antoni Cubeddu
 

Pagina 10 di 20

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella pagina di policy e privacy.

Chiudendo questo banner , scorrendo questa pagina,cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all`uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Pubblicità big

Archivio

In questa sezione potrai trovare tutti i numeri del "Messaggero Sardo" dal 1969 al 2010

Archivio Nuovo Messaggero Gds Online...

Circoli

Elenco completo di tutti  i circoli sardi in Italia e nel Mondo, le Federazioni e le Associazioni di tutela.

Sport

Le principali notizie di tutti gli sport.

In Limba

Le lezioni in limba, il vocabolario e le poesie in limba.

doğal cilt bakımı doğal cilt bakımı botanik orjinal zayıflama ürünleri doğal eczane avon